mercoledì 12 agosto 2015

Quando i musei funzionano: una mente aperta e buoni amministratori possono fare miracoli!

Il caso del Museo Civico di Castelbuono

Laura Barreca

Spesso ci si chiede perché i musei non funzionano, perché sono vuoti, perché non riescono a suscitare interesse nonostante le opere d’arte o le collezioni di grande interesse che contengono. Talvolta il motivo è l’assenza di motivazioni in coloro che li dirigono. Quando, invece, oltre alle competenze ci sono passione, entusiasmo e voglia di sperimentare, i risultati non tardano ad arrivare. Lo dimostra il caso del Museo Civico di Castelbuono, nel Palermitano, guidato ora da una mente aperta e che, grazie anche alla sensibilità e alla collaborazione del Comune, è riuscita a far decollare questo museo in modo impressionante. I giornalisti lo definiscono “il piccolo miracolo”. Lei è la curatrice e critica palermitana Laura Barreca, rientrata in Sicilia dopo vent'anni di prestigiosi incarichi di ricerca e lavoro all'estero. 

In un articolo su Meridione News, ha dichiarato: «Abbiamo una struttura che ci permette di funzionare a pieno ritmo e di accogliere in ogni stagione i turisti provenienti dall'America come dal nord Europa. La comunità di Castelbuono recepisce positivamente il progetto che stiamo portando avanti in quanto è abituata a maneggiare la cultura nelle sue diverse forme. Attraverso un management culturale, cerchiamo anche di intrecciare legami con il territorio, lavoriamo con le professionalità locali e raccontiamo il territorio attraverso progetti comuni agli altri attori del sistema culturale locale, come i ragazzi di Ypsigrock». 

Grazie alla Barreca oggi il museo ha 40mila visitatori l'anno. Eppure anche lei ha avuto le sue esperienze negative: «Non c'è traccia di redenzione per questa terra» - afferma duramente - «Ho avuto a che fare con funzionari e amministratori trogloditi. Il gap generazionale è inaccettabile. I giovani hanno le capacità, una velocità e un'abilità che la generazione precedente non possiede». Trovare spazio in ambito culturale e mettere a frutto le proprie competenze è un sogno irraggiungibile per tanti giovani e spesso l'unica soluzione è trasferirsi all'estero.

Nel caso della città siciliana c’è anche un progetto preciso portato avanti dal sindaco Antonio Tumminello che ha voluto svincolare il museo dalla politica, scegliendo di affidarne la gestione a chi ha veramente le competenze per farlo e la voglia di far crescere il museo. «Finché i musei saranno avamposti di politicanti senza competenza si va verso una morte. Inoltre è sotto gli occhi di tutti l'inaccettabile gap generazionale. I giovani hanno le capacità, una velocità e un'abilità che la generazione precedente non possiede e non può inventarsi, rimanendo incastrata in logiche anacronistiche e di spreco. Finché la Sicilia non decide di intraprendere un percorso di rilancio sarà sempre peggio» - ha dichiarato la Barreca. 


Mi piace soprattutto l’impostazione in chiave sociale che la nuova direttrice ha voluto dare al museo, evidentemente forte delle esperienze di cui si è arricchita all’estero:  «Il museo deve avere una funzione sociale.» - ha affermato - «Nel corso dei laboratori didattici i bambini hanno ad esempio utilizzato materiali di riciclo per creare dei manufatti oggi esposti al Museo dei piccoli. Abbiamo pensato inoltre ad una pubblicità ecologica e facciamo la comunicazione con gli asinelli che a Castelbuono vengono utilizzati per la raccolta differenziata». Si è parlato anche di immigrazione. La giornalista Imma Vitelli è stata nostra ospite al liceo di Castelbuono insieme ad alcuni sopravvissuti agli sbarchi per raccontare ai ragazzi la drammatica esperienza dei migranti del Mediterraneo. Una conferenza che ha permesso ai ragazzi di ascoltare una storia vera e contemporanea che appartiene alla nostra identità. Bisogna avere consapevolezza delle richieste del territorio, essere glocal è determinante per programmare attività».

Nessun commento :

Posta un commento

Grazie per aver commentato questo post.