martedì 18 agosto 2015

Istruzione democratica: il successo dei MOOC

Considerazioni sui MOOC e su "Behind the scenes at the 21st century museum", il corso organizzato da Future Learn con la University of Leicester 

Museum of Liverpool

Ho avuto il piacere e la fortuna di prendere parte al MOOC (Massive Open Course on-line), "Behind the scenes at the 21st century museum", organizzato lo scorso giugno/luglio dalla University of Leicester grazie alla piattaforma Future Learn. L'esperienza è stata altamente positiva in quanto il corso è stato progettato in modo eccellente, con accuratezza e rigore, raggiungendo una qualità non inferiore a quella dei migliori corsi e master esistenti sul mercato della formazione. L’unica differenza è che, trattandosi di un MOOC, è totalmente gratuito, tranne un piccolo versamento di 29 sterline più spese postali per chi ha richiesto il certificato di partecipazione.

Dato il prestigio della School of Museum Studies della University of Leicester, la partecipazione è stata elevatissima. Nel blog della Scuola si legge che sono state oltre 11.000 le iscrizioni al corso. I commenti sono tati 43.500 in totale, il che vuol dire che gli organizzatori sono riusciti a creare grande interesse e coinvolgimento, risultato che non è mai scontato quando si organizzano non solo corsi on-line ma anche in presenza. Come hanno dichiarato gli organizzatori, l’intento era quello di raggiungere sia i professionisti museali che il grande pubblico, condividendo con tutti tematiche che solitamente sono discusse solo nello specifico settore di studi. Sono state presentate le principali ricerche condotte nell’ambito della School of Museum Studies di Leicester e dai loro partner, specialmente i Musei Nazionali di Liverpool. Varie le tematiche che sono state affrontate durante il corso: si è parlato di come i musei possono connettersi emotivamente con i visitatori, di come possono fidelizzare nuovo pubblico, di come si possono affrontare anche tematiche “difficili”, promuovendo la giustizia sociale e i diritti umani, oppure presentando al pubblico argomenti che riguardano la salute e il benessere fisico e psichico delle persone.
Raccontano gli organizzatori che il dibattito è stato intenso, talvolta perfino molto animato perché si è trattato di un confronto vero e non sempre tutti si sono dimostrati d’accordo con le opinioni espresse dai creatori del MOOC riguardo alcune tematiche. In particolare, ci sono state diverse interpretazioni sul ruolo che i musei devono avere nella società: per alcuni i musei devono avere un compito documentario e scientifico e non devono preoccuparsi di suscitare emozioni nei propri visitatori. Altri ancora hanno espresso dubbi riguardo la funzione sociale dei musei perché ritengono che questi compiti appartengano ad altre istituzioni ma non ai musei. Evidentemente, pur rispettando anche queste opinioni, c’è ancora una parte dei professionisti museali ma anche dei non specialisti che è rimasta legata ad una concezione “classica” del museo e che quindi guarda con diffidenza a queste idee che pure non sono affatto nuove, se pensiamo, per esempio, al ruolo sociale del “museo di quartiere” teorizzato e concretizzato da John Kinard e ai concetti simili che fanno parte della museologia sociale.
In generale, però, c’è stata apertura e approvazione e i commenti sono stati spesso molto positivi. 

Personalmente ho voluto cogliere immediatamente l’occasione, non molto frequente, di discutere temi che riguardano il ruolo sociale dei musei. L’aspetto più entusiasmante è stato sperimentare che i MOOC stessi hanno una loro importantissima funzione sociale: rendere l’istruzione di alto livello alla portata di tutti, favorire la circolazione delle idee, rendere veramente democratico il ruolo delle università. La formazione universitaria sta diventando sempre più elitaria, soprattutto per ragioni economiche, escludendo molti dai benefici e dalle opportunità che questa può offrire; nel contempo il mondo del lavoro continua a richiedere titoli che sono difficilmente ottenibili senza mezzi finanziari adeguati. Lo stesso aggiornamento, pure molto importante, per gli stessi motivi si è spesso costretti a compierlo in modo autonomo. 

Questa situazione rende la società più povera innanzitutto perché il futuro comune viene pianificato disponendo di un capitale umano ridotto, selezionato inizialmente non per meriti o per particolari capacità, ma essenzialmente per requisiti di censo. In secondo luogo, per le stesse ragioni si è obbligati a trascurare la formazione continua, indispensabile per migliorare e aggiornare le conoscenze a beneficio del singolo ma soprattutto di tutti coloro che poi usufruiranno delle prestazioni di quei tecnici e specialisti, qualsiasi sia la materia in questione.

Ben vengano quindi i MOOC che rappresentano la migliore attuazione dei principi di uguaglianza e libertà dei cittadini nel campo della formazione e che mi auguro possano avere, in futuro, un sempre maggiore impiego e un adeguato riconoscimento come strumento di aggiornamento dei professionisti, soprattutto se avranno la qualità del MOOC della University of Leicester.






4 commenti :

  1. Sono assolutamente d'accordo con te, Caterina. Sai che, dopo questo corso, ho deciso di frequentarne altri, su piattaforme diverse. Ho cominciato di recente, con un argomento che mi ispira particolarmente. Ma la qualità del MOOC è talmente diversa, da quella di Behind the Scenes ah the 21st Century Museum, sulla piattaforma Future Learn, che ho smesso di frequentarlo, almeno per ora. Non ci sono dei file chiari per la trascrizione dei video (su FL, noi avevamo un transcript in .pdf e la possibilità di scaricare tutti i video, oltre a numerosi link di approfondimento), e i video delle lezioni sono di bassa qualità.
    La University of Leicester, in accoppiata con la piattaforma Future Learn, sono riusciti davvero a creare un'offerta di qualità, affatto inferiore rispetto a molti master che, come dici tu stessa, spesso sono molto costosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, Ile. E' stato un corso veramente ben progettato e con grande accuratezza. Mi auguro di poterne frequentare altri con la stessa qualità di questo MOOC.

      Elimina
  2. Mi sono iscritta al corso su Andersen: non vedo l'ora di vedere come è organizzato! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto interessante! Io mi sto informando anche sull'offerta di MOOC in lingua spagnola. Spero di trovarne qualcuno allettante!

      Elimina

Grazie per aver commentato questo post.