mercoledì 29 luglio 2015

Un primato italiano dimenticato o volutamente ignorato?

Una riflessione di Salvatore Settis mentre il Ddl Madia darà un ulteriore colpo di grazia al patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese

"L’Italia è stata la prima a integrare la tutela del paesaggio e del patrimonio culturale nei principi fondamentali della sua Costituzione. La consistenza e la qualità del patrimonio da un lato, la cultura italiana della salvaguardia dall’altro sono le due facce della stessa medaglia. Le regole in merito alla conservazione non avrebbero visto la luce del giorno senza un senso civico risvegliato dalla densità del patrimonio culturale e la presenza di quest’ultimo non sarebbe mai stata così durevole se non fosse stata garantita da regole nel corso dei secoli. Che debbano esistere delle regolamentazioni pubbliche dei principi di tutela non è affatto dimostrato e, in effetti, la maggior parte dei Paesi non ne hanno avute per molto tempo. Nel XX secolo e in particolare all’inizio della seconda guerra mondiale, le leggi di tutela del patrimonio si sono moltiplicate in diversi Paesi (ad esempio in America Latina, in Africa e in Asia) seguendo modelli importati dall’Europa, ma i modelli europei si sono sviluppati a loro volta prendendo esempio dall’Italia".

("Settis: Perché gli italiani sono diventati nemici dell’arte", Il Giornale dell'Arte, numero 324, ottobre 2012)


La considerazione di Salvatore Settis, sopra riportata, dovrebbe sempre essere tenuta presente da tutti noi e dalle Istituzioni in primis, soprattutto ora che il Ddl Madia sancirà il silenzio assenso e la confluenza delle soprintendenze nelle prefetture. "Si tratta del più grave attacco al sistema della tutela del paesaggio e del patrimonio culturale mai perpetrato da un governo della Repubblica" dicono intellettuali, costituzionalisti e associazionicome si legge nell'articolo di Giulio Cavalli.

Questo è il punto cruciale del Ddl Madia:
Con l'art. 3 si introduce il silenzio assenso nei procedimenti autorizzativi delle Soprintendenze, i cui uffici, dotati di poco personale con funzione tecnico-scientifica, dovranno esaminare e provvedere alle migliaia di istanze per autorizzazioni entro 90 giorni per i quali, in difetto, interverrà il silenzio assenso. 




Vedi anche:



Nessun commento :

Posta un commento

Grazie per aver commentato questo post.